GlobalVoices in Per saperne di più »

Iran: inquinamento atmosferico letale a Tehran

Inquinamento atmosferico a Tehran

Da anni l’inquinamento atmosferico è il nemico pubblico numero uno per milioni di iraniani. Nond eta neppure sopresa la notizia che il governo chiuda temporamente gli uffici pubblici a causa dell’eccessivo livello d'inquinamento.

All’inizio del mese di gennaio, il Ministero della Salute iraniano ha dichiarato [fa] che lo scorso anno più di 4.400 persone sono morte a causa dell’inquinamento atmosferico a Teheran, la capitale.

I netizen locali condividono varie vignette e disegni sulla questione, tra cui questo disegno di Omid pubblicato su Iroon.com, che mostra la città di Teheran oscurata da una polvere nera.

Inquinamento atmosferico a Tehran

Omid, Iroon.com

Mana Neyastani non dimentica la politica nei suoi disegni sull’inquinamento: il protagonista è il “Nonno” che dice: «È di nuovo mattina, e dovrei alzarmi.. sempre solo cattive notizie.. esecuzioni, prigioni..». Poi prende un profondo respiro per iniziare bene la giornata e si accascia al suolo, accanto a lui un giornale dal titolo “Inquinamento atmosferico letale a Teheran”.

Inquinamento atmosferico a Tehran

Mana Neyestani, Mardomak.

Ecco un video che mostra la città di Teheran oscurata dall’inquinamento in pieno pomeriggio; le riprese vengono da un aereo in fase di atterraggio all’aeroporto di Mehrabad.

Zeyton scrive sul suo blog [fa]:

In passato si diceva che non si poteva neanche respirare in questo paese. E ci si riferiva alla repressione politica e sociale del regime. Ma oggi non c’è letteralmente più ossigeno da respirare. Come può un regime che non è in grado di fornire ossigeno ai propri cittadini, pretendere di esportare il proprio modello di governo in tutto il mondo?

Non dobbiamo infine dimenticare che altre persone in molte città iraniane sono rimaste vittima dell’inquinamento, come è il caso diAhwaz [fa], nel Sud del Paese.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.


regioni del mondo

paesi

lingue