chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Russia: il '68 arriva finalmente nelle università?

Il mese scorso, per l'esattezza il 18 dicembre, gli studenti dell’Università Statale Russa di Economia e Commercio (RSUTE) [ru, come i link successivi eccetto dove diversamente indicato] hanno dato inizio a uno sciopero bloccando l'ingresso principale dell'ateneo. Sergei Baburin, l'ex-rettore dell'università recentemente licenziato, si trova al centro di una controversia a causa del conflitto di interessi tra la carriera accademica e la sua attività politica di vecchia data. Nel dicembre 2011, è diventato il leader di una nuova coalizione politica, l’Unione Russa Nazionale, un’entità nazionalista nel cui programma rientra l’obiettivo di sfidare Russia Unita, il “partito del potere” del Paese. Il 4 novembre  Baburin e i suoi alleati hanno partecipato a una manifestazione in larga scala a sfondo nazionalistico in occasione della festa dell’unità nazionale tenutasi a Mosca, durante la quale è stato omaggiato dagli organizzatori con riconoscimenti speciali.

Tuttavia, i problemi degli studenti sono di tutt’altra natura. Alla vigilia delle dimissioni di Baburin, le autorità statali hanno decretato che la RSUTE non produceva i risultati sperati, annunciando così l'accorpamento dell’ateneo a un’istituzione minore — l’Università Statale di Studi Economici Plekhanov (nota anche come Pleshka o Plekhanovka), che conta appena 17.000 studenti, contro i 75.000 (distribuiti in molteplici campus) della RSUTE.

 

Gli studenti hanno fatto ricorso all'uso della forza in occasione delle recenti dispute sulla gestione dell'università. Foto su Twitter (6/12/2012).

Grazie ai social network, gli studenti hanno paragonato la fusione agli assalti aziendali, che in alcune occasioni sono stati una caratteristica comune della Russia post-comunista.

Il 21 dicembre, uno dei moderatori della community Facebook della RSUTE scriveva:

Нет окупации и рейдерскому захвату РГТЭУ!

No all’occupazione e all’usurpazione della RSUTE!

Riassumendo le conseguenze dello sciopero, Volodar Kogonitzky ricorre a Facebook per lanciare una “chiamata alle armi”:

Охрану полностью заменили (новым ЧОП), забостовка свёрнута, многих студентов запугали отчислениями, нескольких преподователей уволилил своими распоряжением и.о Шкляев А. [...] Бубурин С.Н. находится в больнице, на него обещали завести уголовное дело, под любым предлогом, если будет продолжать упираться. (Граждане хватит пресмыкаться, боритесь за свои права, вставайте!!!)

Il personale di sicurezza [dell’università] è stato completamente rimpiazzato (da personale proveniente da una ditta privata), lo sciopero è fallito, molti studenti sono stati impauriti dalle minacce di espulsione, alcuni docenti sono stati licenziati su ordine del rettore ad interim Shklyayev. […] Al momento, Baburin si trova in ospedale, e lo aspetta un procedimento penale se non desisterà. (Cittadini, smettetela di piangere e battetevi per i vostri diritti! Fatevi sentire!!!)

Per gli studenti, la RSUTE è ben più che un semplice luogo di studio: è diventata parte delle loro vite e il simbolo del loro futuro. Elmira Dzhantemirova, membro di un’altra community, esplicita la sua speranza in un post su Facebook:

РГТЭУ – для меня и многих кто учился там, стал по сути семейным ВУЗом.
Конечно, там были и свои проблемы, а также и свои успехи. Но, то что происходит сейчас, похоже на рейдерский захват, нарушаются права и законы, куда же смотрят Президент и Премьер министр?

Этот университет выпустил многих специалистов, достигших не малых высот в различных сферах. А также выпускал специалистов, простых тружеников, дипломы которых имели не последнее значение! А что теперь???
Кто дал право этим чиновничкам распоряжаться судьбами людей!!!! Это что, за “властители судеб???”

Per me e molti altri che hanno studiato qui, la RSUTE è diventata una seconda casa a tutti gli effetti.

Certamente, aveva i suoi vantaggi e svantaggi, ma quello che succede ora è una spietata fusione aziendale in tutto e per tutto, ha qualcosa di illegale e voglio sapere [come] fanno il Presidente [Putin] e il Primo Ministro [Medvedev] a non rendersene conto.

Molti professionisti nel campo dell’economia si sono laureati in questa università, andando ad occupare posizioni importanti in vari ambiti. [L’università] ha formato anche altri professionisti [in settori diversi], [così come] semplici lavoratori dipendenti, i cui certificati di laurea non sono certo l’ultimo dei loro preziosi conseguimenti.  E adesso che succede??? Chi ha dato a questi burocrati il diritto di decidere delle vite degli altri!!! Sono forse i “maestri del destino”???

Alcuni studenti hanno provato a raccogliere consensi per Baburin su Twitter, diffondendo l’hashtag #BaburinMyRector. (#БабуринМойРектор). Nel corso di alcuni sit-in di protesta tenutisi nottetempo, qualcuno ha anche intonato dei cori, come riporta Dmitriyev Artem su Twitter :

@Alla_Mit@verbizkaja ))))))))) энергеты подпевали песню о реорганизации))) ночь#РГТЭУ

@Alla_Mit @verbizkaja ))))))))) l’energia – gli studenti hanno intonato il ritornello di una canzone che parla della ri-organizzazione))) notte#RSUTE

Nel giro di ventiquattr’ore, la RSUTE è così diventata un emblema della tradizione didattica.

Il 27 dicembre lo sciopero è terminato. Agli studenti sono stati promessi gli stessi standard accademici, e ai docenti è stata data la garanzia contro ogni condotta sfavorevole. La principale conquista delle proteste del '68 [it] è stata il rinato interesse per la difesa agguerrita dei diritti delle masse. Quel periodo storico ha cambiato l’opinione di molti. Che la Russia stia per intraprendere la sua rivoluzione culturale?

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.