See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Cambogia: Internet Cafè vietati nei pressi delle scuole

Il Ministro delle Poste e Telecomunicazioni della Cambogia ha pubblicato una circolare che la vieta la presenza di internet cafè in un raggio di 500 metri dalle scuole o altri edifici adibiti ad attività didattiche. La circolare vieta anche agli internet cafè di far entrare giovani al di sotto dei 18 anni, indicando che la rete è una fonte di pericoli, come il terrorismo, i crimini economici e la diffusione della pornografia, come riporta il Cambodian Daily [en come tutti gli altri link, eccetto ove diversamente indicato].

La disposizione è giunta pochi mesi dopo che il governo ha rafforzato una circolare precedente, che richiedeva che gli internet cafè installassero delle videocamere di sorveglianza e registrassero le chiamate.

internet vietato

Le internet-free zone porterebbero alla chiusura di quasi tutti gli internet cafè di Phnom Penh. Mappa di Licadho

La vicenda ha sollevato molti dubbi tra i blogger locali. Tharum Bun ha scritto sul blog VOA che il nuovo governo eliminerebbe tutti gli internet cafè di Phnom Penh.

La circolare [km] menziona anche in un documento molto vago che le persone dovrebbero smettere di giocare online.

Tep Sovichet [km], un blogger e studente di Phnom Penh di 17 anni, ritiente che il diveto non possa fermare gli studenti dall'uscire da scuola e andare a giocare online negli internet cafè. Lui non è affatto a favore della circolare.

Non tutti gli internet point sono posti doove gli studenti giocano online, e i crimini informatici in genere non partono dagli internet cafè. Non tutti gli studenti poi ci vanno per giocare, ma magari anche per altri scopi [...] come fare i compiti, imparare cose nuove e leggere notizie da ogni tipo di fonte.

Secondo la circolare, ai proprietari di questi locali in tutto il Paese è stato chiesto di firmare il contratto col Ministero.

Khmerbird, un altro blogger cambogiano, ha scritto nel suo blog:

Sono assolutamente d'accordo con le idee della circolare. Ma penso che per limitare i giochi e la pornografia negli internet cafè non è necessario chiuderli. Inoltre se applichiamo questa regola, quasi tutti gli internet cafè nel centro di Phnom Penh verrebbero chiusi.

Secondo la circolare, se si scopre un internet bar dentro la zona rossa, o se il crimine è stato commesso dentro il locale, “Il negozio sarà chiuso, tutti gli equipaggiamenti confiscati, e i proprietati arrestati e mandati a giudizio.”

Faine Greenwood, una blogger molto prolifica e giornalista freelance di base nel sud-est asiatico, il 18 dicembre ha scritto sul suo blog del divieto per gli internet cafè:

Certo, non è esattamente chiaro quanto potere abbia davvero una “circolare” di produrre cambiamenti significativi qui in Cambogia, o se è probabile che diventi legge. Ma il fatto che questa cosa aleggi in giro è un fastidioso indicatore che il governo della Cambogia sta cercando di restringere un internet qui relativamente libero, seguendo il dubbio esempio della Cina, un amico molto influente per il regime di Hun Sen.

Urban Voice Cambodia [km], un progetto di CrowdMapping di Phnom Penh, ha iniziato una sua campagna contro il divieto, chiedendo alle persone di aggiungere gli internet cafè della loro zona sul sito da questa pagina “Submit Report.” Secondo i loro calcoli, quasi tutti gli internet cafè di Phnom Penh verrebbero chiusi.

Anche il gruppo di attivisti per i diritti umani Licadho si è opposto alla circolare:

Questo ampio tentativo di chiudere luoghi accessibili e convenienti per utilizzare internet in Cambogia non solo è legalmente infondato, ma anche un tentativo evidente di bloccare l'accesso a fonti indipendenti di informazione, come portali di news e social network, a una parte della popolazione.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.