chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Bangladesh: 2.a edizione del festival letterario a Dhaka

In Bangladesh, la pratica della letteratura in lingua inglese sta diventando sempre più diffusa. Piuttosto che in bengalese, molti autori decidono di scrivere in inglese. È una nuova tendenza a livello nazionale. Gli scrittori in lingua inglese di Dhaka si riuniranno di nuovo in occasione della seconda edizione dell’Hay Festival [en, eccetto dove diversamente indicato]. Il festival avrà luogo nell'edificio storico della Bangla Academy [bn] di Dhaka tra il 15 e il 17 novembre prossimi. Si spera che, attraverso questo evento, la nuova generazione di scrittori bengalesi in lingua inglese venga promossa nell'ambito della comunità letteraria globale.

Il poster dell'Hay Festival Dhaka.

Sadaf Saaz Siddiqi, poeta e co-produttore dell'Hay Festival Dhaka, spiega:

Essendo un evento a cadenza annuale, che speriamo di poter sviluppare, l'Hay Festival Dhaka è un eccellente vetrina sulla scena letteraria mondiale per l'emergente comunità locale di scrittori in lingua inglese. Vogliamo portare la letteratura bengalese ben oltre i confini del nostro Paese, dato che soltanto una frazione infinitesimale del nostro vasto repertorio nazionale è stata tradotta e promossa all'estero (mentre, ad esempio, gli autori sudamericani sono conosciuti a livello globale). Speriamo che l'Hay Festival incoraggi le case editrici a intraprendere dei progetti di traduzione.

Tahmima Anam, autrice di ‘A Golden Age‘ (I giorni dell'amore e della guerra, Garzanti 2008), e ‘The Good Muslim‘ (Il suono del respiro e della preghiera, Garzanti 2012), annuncia:

L'Hay Festival crea una fantastica opportunità per instaurare un dialogo tra gli esponenti di spicco della letteratura inglese e quella bengalese; spero che, portando la magia dell'Hay a Dhaka, questo evento sia foriero di una nuova corrente nella realtà letteraria del Bangladesh.

Di seguito una selezione di foto della prima edizione dell'Hay Festival Dhaka tenutasi l'anno scorso.

Immagini dell'Hay Festival Dhaka 2011. Le foto sono su concessione della pagina Facebook dell'Hay Festival Dhaka.

Immagini dell'Hay Festival Dhaka 2011. Le foto sono su concessione della pagina Facebook dell'Hay Festival Dhaka.

Immagini dell'Hay Festival Dhaka 2011. Le foto sono su concessione della pagina Facebook dell'Hay Festival Dhaka.

L'edizione di quest'anno vedrà alternarsi un consistente numero di dibattiti bilingua a cui parteciperanno autori di fama internazionale come Vikram Seth [it], Syed Shamsul Haq, Nandita Das, Philip Hensher, Kamila Shamsie, Basharat Peer, Zafar Iqbal, Mohammed Hanif, Gillian Clarke, Kaiser Haq, Sharbari Ahmed, Farah Ghuznavi, Shaheen Akhtar, Selina Hussein, Shehan Karunatilaka, Mahmud Rahman, Anis Ahmed, Anisul Hoque, Audity Falguni, Tahmima Anam e altri.

L'Hay Festival per la letteratura e le arti ebbe inizio nel 1987 attorno a un tavolo da cucina nella cittadina gallese di Hay-on-Wye , e oggi è il più grande festival letterario al mondo nel suo genere. Ha luogo nelle magnifiche campagne gallesi del parco nazionale di Brecon Beacons. Famosamente definita da Bill Cinton cone “una Woodstock della mente”, da 25 anni Hay riunisce  autori provenienti da tutto il mondo per discutere e condividere delle storie. Quest'anno si celebra il 25° anniversario dell'Hay Festival, e per l'occasione, in giugno, a Hay-on-Wye, hanno avuto luogo dieci giornate di festeggiamenti .

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.