GlobalVoices in Per saperne di più »

Sudan: blogger racconta il suo arresto e i pesanti interrogatori

La blogger sudanese Maha Elsanosi [en, come i link successivi, eccetto ove diversamente indicatodescrive in modo vivido i suoi tre giorni di interrogatorio presso l'Intelligence nazionale e i Servizi di Sicurezza (NISS), seguiti al suo arresto in Sudan. Nel suo post da leggere assolutamente, Maha, che scrive anche qui su Global Voices Online, racconta:

Durante la mia prima detenzione, ho affrontato quattro ore di abusi emotivi. Uno di quelli che mi interrogavano mi ha detto: “Da’ un bello sguardo alla finestra, questa sarà l'ultima volta che vedrai il sole.” Un altro mi ha detto che sarei stata trasferita in una prigione senza nessuno, già solo guardando il mio fascicolo. Mi consideravano così pericolosa.

Maha è membro di Girifna [ar], un movimento di resistenza non violenta  creato da laureati dell'università sudanese, e il cui nome si traduce con “siamo stufi.” il gruppo dichiara che il proprio obbiettivo è di rovesciare il National Congress Party al potere, che governa il Sudan, e spera di sviluppare una visione condivisa per un'agenda nazionale che farà avanzare il loro paese. Il loro account Twitter è disponibile qui, ed è usato per diffondere informazioni sulla situazione in Sudan.

Le manifestazioni nella capitale sudanese Khartoum sono iniziate il mese scorso, dopo l'annuncio da parte del governo di tagli alla spesa e altre misure di austerity. Diversamente da altri paesi, le proteste, che continuano ancora oggi, sono poco riportate.

Il secondo giorno di interrogatorio di Maha è durato undici estenuanti ore. Le descrive:

Ero minacciata, ricattata, insultata, abusata emotivamente e torturata psicologicamente. Avevano il mio laptop e mi dicevano di avere accesso a tutte le mie foto e che le avrebbero usate se avessero avuto sentore che stessi creando problemi. Mi è stato anche detto che avrebbero potuto farmi facilmente perdere il lavoro. “Hai belle foto nel tuo telefono”, mi ha detto un tizio. “Hai molti ammiratori,” ha aggiunto. Lo stesso tizio stava curiosando tra le foto nel mio laptop. Ha visto una foto di me e della mia migliore amica abbracciate. Poi mi ha chiesto se fossi lesbica.

Il suo terzo di interrogatorio è durato due ore. Maha spiega che dopo le domande:

Mi hanno fatto firmare una dichiarazione in cui mi impegno a non prendere parte in alcuna attività del Girifna, aggiungendo che se lo facessi, sarei soggetta a processo secondo le leggi di sicurezza. Hanno fatto firmare a mio padre la stessa dichiarazione. Mi hanno restituito il telefono e altri oggetti, ma hanno detto che si terranno i due laptop per “ulteriori indagini”. Li ho reclamati poco fa.

E ricorda anche:

Tra quelli ancora sotto detenzione da settimane ci sono Boshi, arrestato all'inizio dell'anno, Usamah Ali, un giornalista cittadino di spicco e una piccola celebrità di Twitter; i membri di Girifna Mohamed Izzelden [ar] e Rashida Shamseldin e tanti, tanti altri. Sono tutti a rischio tortura. Hanno sacrificato le loro libertà in nome di un Sudan libero.

Mohamed Izzelden è stata poi rilasciato.

 

1 commento

  • mapa

    ci vuole anche un bel coraggio a mettersi a fare la Rivoluzione contro alle Forze armate e alla Polizia del proprio Stato. Qualcuno del popolo Sudanese dovrebbe chiedere armi a Berlusconi.

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.


regioni del mondo

paesi

lingue