GlobalVoices in Per saperne di più »

Afghanistan: ragazze avvelenate per essere andate a scuola

Il 3 giugno scorso, circa 65 ragazzine sono state portate d'urgenza in ospedale [fa] dopo essere state avvelenate nella loro scuola nella provincia di Takhar [it], nel nordest dell'Afghanistan. L'incidente rappresenta l'ultimo di una serie d'attacchi contro gli istituti femminili della provincia. Il 29 maggio, circa 160 ragazzine sono finite in ospedale [en] dopo un attacco con il gas nella loro scuola. In precedenza, questa primavera, oltre 270 studentesse sono state avvelenate in attacchi avvenuti in due diversi luoghi. Complessivamente, nel resto del Paese, centinaia di ragazze sono risultate vittime di simili attacchi l'anno scorso.

Le autorità hanno accusato di questi incidenti i talebani. Tra il 1996 e il 2001, quando il movimento fondamentalista controllava la maggioranza del Paese, alle donne veniva proibito andare a scuola. Nonostante milioni di ragazze si siano iscritte a scuola dopo la cacciata dei talebani, i guerrieri del movimento e i loro simpatizzanti continuano a punire le studentesse che perseguono un'educazione.

Studentesse prive di coscienza dopo ever bevuto acqua avvelenata in Afghanistan

Giovani studentesse giacciono prive di coscienza sul giardino di un ospedale nel capoluogo della provincia del Takhar, nel nord del Paese, dopo essere state avvelenate nella loro scuola. Foto di Pajhwok Afghan News, copyright Demotix (18/04/2012)

 

Diritto all'educazione femminile in Afghanistan

Ci vuole coraggio a essere una studentessa in Afghanistan. Foto di Teresa Nabais, copyright Demotix (03/07/2009)

 

I talebani hanno rinnegato il loro coinvolgimento negli attacchi contro le scuole. Tuttavia, gli è difficile convincere qualcuno.

Ericka M. Johnson, una blogger degli Stati Uniti, scrive [en]:

Attaccare le scuole femminili e le studentesse è diventata una tattica comune per i talebani. Non è abbastanza che le trattino come una proprietà. Devono anche punirle perché vogliono imparare. Loro negano di essere coinvolti in questi attacchi ma la loro storia – molte ragazzine non erano nemmeno autorizzate ad andare a scuola durante il regime talebano – suggerisce che l'esistenza di donne con un'educazione vada contro gli interessi dei talebani.

In risposta a Erica un'altra blogger statunitense, Katherine Lorraine, spiega[en]:

Educare le donne è il modo più semplice e veloce per una vera uguaglianza di genere – quindi naturalmente il club per soli uomini dei talebani non vuole altro che sottomettere le donne e forzarle a vivere ai livelli più bassi della società.

Judy Molland, una premiata scrittrice, dichiara [en]:

Chiunque possa odiare dei bambini abbastanza da avvelenarli ha chiaramente perso il contatto con la propria umanità. Per proteggere queste ragazzine, il governo afghano deve rendere la sicurezza dei propri studenti una priorità.

Il blogger afghano Hussain Ibrahimi scrive [fa]:

 حال دشمنان افغانستان از ابزار دیگری برای پیروزی شان در جنگ و مخالفت با دولت افغانستان استفاده می کنند و این ابزار چیزی نیست جز مسموم کردن شاگردان مدرسه ها و بسته شدن این نهادهای تعلیمی و آموزشی در ولایت های مختلف افغانستان که نگرانی ها را روز به روز افزایش می دهد و این خود می تواند ضربه بزرگ باشد برای دست آوردهای ده ساله افغانستان که باز شدن نهادی های تعلیمی و آموزشی بعد از سرنگونی رژیم طالبان خود یکی از بزرگترین دستآوردهای این دهه اخیر است.

I nemici dell'Afghanistan stanno facendo ricorso a una nuova tattica contro il governo [del Paese]. Questa tattica consiste nell'avvelenare le studentesse, con l'obiettivo di chiudere i centri d'educazione in diverse province… Questo può mettere a serio rischio una decade di successi quali l'apertura di nuove scuole dopo la caduta del regime talebano.

Per alcuni, le notizie degli attacchi contro le scuole sono un motivo per riconsiderarne l'approccio all'istruzione. Dineeta Kubhar scrive su Twitter [en]:

@WordsOfDineeta: I talebani avvelenano l'acqua che le ragazzine bevono a scuola in Afghanistan per impedirne l'educazione… E io che mi lamento quando ho qualcosa da studiare.

I netizen hanno paura che una volta che le truppe straniere guidate dalla NATO avranno lasciato il Paese nel 2014, i talebani e altri fondamentalisti diventeranno ancora più tenaci nello spaventare le ragazze per allontanarle dall'educazione.

Chloe Logan, un collaboratore di Yahoo News, scrive [en]:

Se questi attacchi continuano mentre le forze della NATO sono ancora in Afghanistan, ci chiediamo se le ragazze resteranno abbastanza coraggiose da continuare a perseguire un'educazione una volta che la loro protezione se ne sarà andata. Sappiamo che il loro futuro dipende dall'educazione che gli manca.

 Un altro blogger, Jan, congettura [en]:

Purtroppo, una volta che la presenza militare statunitense sarà completamente rimossa dall'Afghanistan in maniera “ufficiale”, so io e sappiamo tutti quello che succederà a qualsiasi ragazzina afghana che osi andare a scuola, e a qualsiasi donna afghana che vorrà insegnare, o fare l'infermiera in ospedale, o lavorare come segretaria, o fare la commessa in un negozio di alimentari, o allenarsi per far parte della squadra olimpica di corsa, o giocare a badminton e scacchi, o imparare a leggere e scrivere…

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.


regioni del mondo

paesi

lingue